Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_shanghai

XVII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo - Rassegna di Cinema e Letteratura: RACCONTO DEI RACCONTI

Data:

16/10/2017


XVII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo - Rassegna di Cinema e Letteratura: RACCONTO DEI RACCONTI

XVII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Rassegna di Cinema e Letteratura

DAL LIBRO ALLO SCHERMO
15-19 Ottobre 2017

16 ottobre

6:45 pm Proiezione Tale of Tales (133’) di Matteo Garrone – 2015 dal romanzo Lo cunto de li cunti di G.B. Basile

1600. Una regina non riesce più a sorridere, consumata dal desiderio di quel figlio che non arriva. Due anziane sorelle fanno leva su un equivoco per attirare le attenzioni di un re erotomane sempre affamato di carne fresca. Un sovrano organizza un torneo per dare in sposa la figlia, contando sul fatto che nessuno dei pretendenti supererà la prova da lui ideata, così la figlia non lascerà il suo fianco e i confini angusti del loro castello.
Matteo Garrone attinge a piene mani, e con grande libertà creativa, a tre racconti de "Lo cunto de li cunti", racconti fiabeschi, scritta fra il 1500 e il 1600 in lingua napoletana da Giambattista Basile. Il risultato è un caleidoscopio di immagini potenti ed evocative, ma anche un carnevale di umani sentimenti, pulsioni e crudeltà, nonché una riflessione sulla natura dell'amore, che può (dovrebbe) essere dono e che invece, per quelle fiere che sono (ancora) gli esseri umani, è spesso soprattutto cupidigia.

PREMI
2015 – Globo d'oro
Miglior sceneggiatura a Matteo Garrone, Edoardo Albinati, Ugo Chiti e Massimo Gaudioso
2015 – Nastri d'argento
Migliore scenografia a Dimitri Capuani
Migliori costumi a Massimo Cantini Parrini
Migliore sonoro in presa diretta a Maricetta Lombardo
2016 – Bari International Film Festival
Regista del miglior film a Matteo Garrone
Migliori costumi a Massimo Cantini Parrini
2016 – David di Donatello
Miglior regista a Matteo Garrone
Miglior autore della fotografia a Peter Suschitzky
Miglior scenografia a Dimitri Capuani e Alessia Anfuso
Miglior costumi a Massimo Cantini Parrini
Miglior trucco a Gino Tamagnini
Miglior acconciatore a Francesco Pegoretti
Migliori effetti speciali a Makinarium
2016 – Ciak d'oro
Miglior regista a Matteo Garrone
Miglior scenografia a Dimitri Capuani
Miglior costumi a Massimo Cantini Parrini

MATTEO GARRONE (Roma, 15 ottobre 1968)
Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, considerato tra i migliori registi italiani degli ultimi anni. Si dedica al cinema sin da giovane e nel 1996 vince il Sacher d'Oro con il cortometraggio Silhouette, che l'anno successivo diventerà uno dei tre episodi del suo primo lungometraggio Terra di mezzo. Il successo di critica (ma non ancora di pubblico) arriva nel 2002 con L'imbalsamatore, con cui Garrone si aggiudica il David di Donatello per la migliore sceneggiatura. Il film segna una svolta nella carriera e nella poetica di Garrone. Il grande successo di pubblico arriva nel 2008 quando nei cinema italiani esce Gomorra, tratto dal libro-inchiesta di Roberto Saviano, che consacra definitivamente il regista: il film vince il Grand Prix al Festival di Cannes, oltre che riconoscimenti di miglior film, regia, sceneggiatura, fotografie, interpretazione maschile agli European Film Awards e una nomination al Golden Globe. Nel 2012 anche Reality, vince il Grand Prix a Cannes: una commedia grottesca sull'influenza negativa che i reality show hanno sulle persone. Nel 2015 Garrone dirige un cast internazionale comprendente tra gli altri Salma Hayek, Vincent Cassel, John C. Reilly e Toby Jones ne Il racconto dei racconti - Tale of Tales, in concorso al Festival di Cannes 2015.

GIAMBATTISTA BASILE (Giugliano in Campania, 1566 –1632)
Letterato e scrittore italiano di epoca barocca, il cui nome è in realtà uno pseudonimo anagrammatico di Gian Alesio Abbattutis. Dei suoi primi anni di vita non si hanno notizie; raggiunta la giovinezza, abbandona la città natale per poi arruolarsi come soldato mercenario al servizio della Repubblica di Venezia. I primi documenti della sua produzione letteraria risalgono al 1604. Sappiamo che nel 1605 viene messa in musica una sua villanella dal titolo Smorza crudel amore. Nel 1608 fa ritorno a Napoli, dove trova impiego come amministratore di vari feudi per conto di alcuni grandi aristocratici, e dove continua a scrivere fino alla morte. I racconti del Cunto de li cunti, pubblicati postumi nel 1634, costituiscono una delle prime trascrizioni letterarie di fiabe popolari e sono stati per secoli una ricca miniera di storie e motivi narrativi sia per i successivi raccoglitori di fiabe, come il francese Charles Perrault o i tedeschi fratelli Grimm, sia per molti degli scrittori che, seguendo le modalità della fiaba popolare, hanno scritto opere narrative del tutto originali, come il danese Hans Christian Andersen. I racconti di Basile sono oggi disponibili in traduzione in numerose lingue, a cominciare dall’italiano.

Informazioni

Data: Lun 16 Ott 2017

Orario: Dalle 18:45 alle 21:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura Shanghai (意大利驻沪总领事馆文化处)

In collaborazione con : Jing’an District Culture Center(静安区文化馆)

Ingresso : Libero


Luogo:

Jing’an District Culture Center(静安区文化馆)

544